Skip to content Skip to footer

INTERVISTA A ROSARIA LOMASTO, COACH MOTIVAZIONALE

Cosa diresti di te a chi ancora non ti conosce?

Ho sempre avuto il pallino della formazione: mi sono laureata nel 2000 in Scienze della Formazione a Napoli, poi grazie a tanta forza di volontà sono entrata in una grande azienda di risorse umane, dove mi sono occupata di formazione professionale a tutti i livelli.
Pian piano – soprattutto dopo essere diventata mamma! – mi sono avvicinata ad un tipo di formazione lontana dal mondo del business, cioè per gli adolescenti. Oggi sono consulente proprio per questa fascia d’età, ed è una grande soddisfazione.

In cosa consiste il coaching motivazionale?

Il coaching motivazionale è un metodo, una chiacchierata, un confronto. La parola “motivazionale” trae in inganno: non motivo a raggiungere un obiettivo, ma pongo una serie di domande (che si definiscono in termine tecnico “potenti”) per far emergere quello che già c’è ma non si vede. È uno stimolo alla riflessione, si analizza il problema da un’altra prospettiva per una visione d’insieme più ampia.

Come può aiutarti un coach motivazionale?

Ti aiuta a riflettere attraverso alcuni scenari che non avevi proprio preso in considerazione, può aiutarti a farti delle domande per vedere (e vederti) nel futuro, sotto un altro punto di vista.

Cosa consigli per evitare di cadere nelle trappole della bassa autostima e dei pensieri negativi?

In adolescenza accade spesso: basta capire che i pensieri negativi che fai (quelli che io chiamo i pensieri “canaglia”) sono solo delle storie che racconti a te stesso. Basta cambiare il linguaggio ed i pensieri cambiano di conseguenza: ad esempio, anziché pensare “Non sono stato in grado”, prova a chiederti “Cosa avrei potuto fare?”.

Che esperienza offri a chi ti sceglie con Box4Young?

Prima dell’incontro faccio una telefonata preparatoria, dove stabiliamo insieme l’argomento da affrontare.
Nell’incontro vero e proprio ci conosciamo, e mi esporrai il problema su cui lavorare.
L’obiettivo è che già alla fine dell’incontro tu abbia una riflessione o uno spunto nuovo, oppure abbia capito se il problema posto è reale o no: insomma, uscirai con una consapevolezza maggiore di te stesso, delle tue capacità e di come superare gli ostacoli.